Cuffie, impedenza e driver inversamente proporzionali nei migliori modelli

Impedenza, driver, Ohm… ma che lingua parliamo? Siamo sul pianeta delle cuffie Bluetooth, fra le più in voga del momento per la tecnologia senza fili, di cui sono meglio esemplificati i vantaggi in questo articolo che le mette a confronto con i modelli a cavo. Entrando più nello specifico si può cercare di capire cosa fa la qualità di una cuffia Bluetooth, senza addentrarci in tecnicismi che potrebbero far perdere la bussola ai profani. Proviamo, invece, a dare qualche indicazione per capire meglio parametri di cui non tutti conoscono il significato, ma che sono basilari per la scelta di cuffie e auricolari di qualità. L’impedenza, ad esempio, è un fattore chiave da tenere in considerazione, ma cos’è di preciso?

Per impedenza si indica il valore elettrico, misurato in Ohm, il cui simbolo è la Z, determinato dalla proporzione fra la tensione applicata a un circuito e la corrente che lo attraversa. In altri termini, più l’impedenza acustica è bassa minore sarà la resistenza opposta al flusso della tensione in entrata, in questo senso una bassa impedenza è un dato positivo che migliora la qualità del suono. Ecco perché quando si acquista una cuffia, è importante verificare che l’impedenza sia compresa in un range fra 16 e un massimo di 280 Ohm, anche se quest’ultimo caso si verifica raramente in quanto attiene a cuffie particolarmente pregiate e di nicchia. Al contrario, i driver, altro parametro da monitorare in fase di acquisto, ricevono la corrente elettrica in arrivo dalla sorgente sonora direttamente dal cavo delle cuffie trasformandola in suoni mediante il movimento dell’aria.

Particolarmente determinanti nelle cuffie da gaming i driver consistono nell’altoparlante collocato dentro i cuscinetti delle cuffie. In questo caso, più largo è il loro diametro, migliore risulterà la qualità del suono, sia per quanto concerne i toni bassi che medi. Questo spiega come nel valutare la qualità di una cuffia i due valori di impedenza e driver, più basso il primo e più alto il secondo, devono essere inversamente proporzionali per essere certi di aver scelto un buon prodotto. Analizzati questi parametri più specificamente tecnici, ci si potrà poi concentrare su altri aspetti come l’alimentazione, la struttura e il comfort.

About the Author